top of page

I 4 princìpi della cura della puerpera secondo l'Ayurveda



"Così la neomamma dovrebbe essere trattata in modo specifico con massaggi, bagni, cibo e bevande preparati con erbe che alleviano i germi, promuovono la vitalità e alleviano Vata"

Charaka Samitha


Il puerperio, secondo l'Ayurveda, è considerato un tempo molto speciale. Rappresenta uno dei 5 Kayakalpa, o tempi del corpo: momenti nella vita della donna nei quali è particolarmente importante ricevere cure e attenzioni specifiche. Il corpo, la mente e le emozioni durante questi momenti sono particolarmente ricettivi. I benefici per la donna che riceve cure adeguate in questo arco temporale si amplificano. Per questo motivo il puerperio prende il nome di Finestra Sacra; un tempo che, se vissuto con consapevolezza, porta guarigione e profondo rinnovamento. Se i bisogni che caratterizzano le sei settimane dopo il parto non trovano risposta, il puerperio può essere un periodo molto faticoso per la madre. Se, invece, una mamma è in salute, felice e forte tutta la famiglia lo sarà di conseguenza. Mi auguro che sempre più mamme possano beneficiare di cure amorevoli durante la Finestra Sacra. Qui di seguito i 4 princìpi fondamentali della cura della neomamma nel puerperio:

1) Riposo:

Il riposo rappresenta il primo bisogno fondamentale della neomamma. I testi Vedici raccomandano alla mamma e al bambino di stare in casa per le prime settimane dopo la nascita del bebè. Si dice "Una settimana dentro al letto, una settimana sopra il letto, una settimana intorno al letto".

Dormi quando il tuo piccino dorme, cerca di cenare presto in modo da andare a dormire il prima possibile. Crea una routine lenta e ripetitiva. Cerca di evitare un utilizzo prolungato dei dispositivi elettronici e fai in modo che se ricevi ospiti questi non debbano essere accolti e intrattenuti. Organizzati per tempo in modo da avere tutti gli aiuti di cui necessiti per la cura della casa, dei fratelli e sorelle maggiori e del cibo. Pratiche di meditazione, pranayama, yoga nidra rappresentano una grande risorsa per il rilassamento della mamma quando è stanca o affaticata.

2) Calore:

Secondo la prospettiva Ayurvedica, durante il puerperio si verifica un aggravamento di Vata Dosha. Vata è governato dagli elementi Aria e Etere e una sua peculiarità è la freddezza. Mi piace immaginare Vata come un vento freddo e secco, che porta racconti da terre lontane, stimola e dà ispirazione ma insieme raccoglie tutto quello che trova e lo porta via lasciando un senso di vuoto e di travolgimento. il calore svolge un ruolo fondamentale nel pacificare questo eccesso di energia fredda. Che siano calzini caldi, coperte pesanti, una borsa dell'acqua calda, zuppe, tisane o bagni di erbe, è essenziale che la qualità del caldo sia presente durante il puerperio, soprattutto nelle stagioni più fredde. Sono da evitare, in ogni caso, tutte le pratiche che portano la qualità del freddo. Il calore porta radicamento nel corpo della puerpera. In questo modo, il vento di Vata può diventare nuova energia creativa in grado di generare nuove ed inaspettate possibilità.



3) Cibo specifico:

Un altro aspetto essenziale delle cure materne postnatali è il cibo. Anche in questo caso lo scopo della tradizione ayurvedica è quello di pacificare Vata dosha attraverso ciò che assumiamo come cibo e bevande. Vata è freddo, secco, leggero, sottile, mobile, chiaro, duro, ruvido. per bilanciare queste qualità la puerpera dovrà assumere cibo caldo, liquido speziato e nutriente.

L'alimentazione della puerpera è molto importante per il suo pieno benessere e rinnovamento. Questa varia a seconda della costituzione di base della madre e in relazione a quanti giorni sono passati dal parto. In generale il fuoco gastrico è molto debole nei primi giorni dopo la nascita del bebè e l'alimentazione deve essere molto semplice e digeribile.


4) Cura del corpo:

l'ultimo pilastro della cura della puerpera secondo l'Ayurveda riguarda la cura del corpo. L'Ayurveda pone molta enfasi riguardo al ruolo che svolge il massaggio tradizionale con olio caldo nella rigenerazione e nel benessere della puerpera. La pelle è l'organo più grande del corpo umano, nutrendola in profondità attraverso il massaggio si nutre l'intero organismo e si libera quest'ultimo dalle tossine. Un'altra pratica consigliata sono bagni caldi di erbe specifiche e olii essenziali considerati profondamente nutrienti e rilassanti per la neomamma. Anche la tecnica della fasciatura del ventre è molto utilizzata in Ayurveda, porta pace a Vata aggravato, sostegno e benessere, oltre che un corretto riposizionamento degli organi e delle anche.


Mi auguro che questi semplici consigli possano raggiungere più mamme possibili, bastano alcune attenzioni mirate per rendere il tempo del post parto una Finestra Sacra per la rinascita e la guarigione profonda, una magnifica opportunità che la natura ci regala dobbiamo solo imparare a coglierla.

Namastè

587 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page